Raccolta dei poeti italiani contemporanei

Grazie all’ Aletti Editore per questa opportunità di aver potuto pubblicare delle mie poesie in questa Raccolta poetica.

Lettere ad un amore perduto

Lei, di rara sensibilità ,

Sarebbe stata mai pronta ad aspettarlo? Sarebbe stata disposta a far tacere il suo cuore, i suoi bisogni più profondi? In nome di un amore mai realizzato? Si può arrivare ad idealizzare un amore se tale poi può essere chiamato…?

Forse era troppo anche per Lei, per un’anima ribelle, libera da compromessi, un cuore innamorato della vita …

E lui cos’era disposto a rischiare? Tutto in nome di una donna che poteva solo guardare, mai averla? Si sarebbe accontentato di un amore qualunque , pur di essere felice?

La felicità poi che cos’è, cosa rappresenta? Quanto vale la pena tentare di provare quel pezzetto di felicità che ogni essere umano aspira…

Il volersi bene non basta per essere felici, certe volte ci si accontenta, si è felici anche con poco…. o nascondiamo a noi stessi la verità, anche cruda che la felicità è solo un attimo, un momento, un periodo, un ricordo che custodiamo per noi….

Entrambi lo sapevano ma fingevano a loro stessi che ciò che avevano gli bastava…. che il loro essere in questo mondo, il loro destino era quello che avevano vissuto e provato…. non sapendo che in questa vita c’è sempre una seconda scelta, un traguardo inaspettato da percorrere, che la strada da seguire non è mai quella prefissata, ma è sempre da modificare, cambiare….

La felicità li aveva solo sfiorati, toccati, ma aveva preferito prendere una strada diversa, che loro non avrebbero preso….

Eppure avrebbero sentito ciò che li legava, ciò che minava le loro vite, i loro destini….

Lettere ad un amore perduto

E se non posso averti,

Se non posso mirare la mia anima nei tuoi occhi,

Farò in modo che io possa sentire la totale eclissi del mio cuore, perché non potrò mai provare per nessuno quello che ho provato per te….

Forse l’eccessivo dolore mi fa pensare questo? O il tuo non ascoltarmi? O il tuo non capirmi?

E tu sei riuscito a cancellarmi, o hai eliminato dal tuo cuore la mia immagine? Mi hai sostituita con Lei?

Hai eclissato anche tu le tue emozioni per me…. o quel filo che ci legava persiste ancora?

Questo non lo sapremo mai….

Le nostre vite perse negli occhi di qualcun altro ….

L’amore certe volte è cosi…. strano ma vero…. crudo ma sincero…. in un attimo ti scoppia nel cuore e poi si ecclissa…diventa nube eterea, evanescente…. libera di sfiorare l’anima di un altro essere vivente…. ti devasta e poi si annulla come è successo a noi…. schiavi di un sentimento mai espresso…. mai alimentato… ma pur sempre Amore!

Lettere ad un amore perduto

Tu sei la mia luce

Anche se attraverso il buio più profondo….

Anche se a volte sento di cadere… sento l’inferno dentro….

Sei il mio raggio di sole quando mi guardi anche se sento che quel filo si sta spezzando… lo so che ci sarai nella mia anima …. sento il tuo respiro…. la tua luce anche se anche tu vorresti piangere…. vorresti stringermi….

Siamo lontani … Ma non così lontani da dimenticarci….da cancellarci….

Non potrei mai…. anche se lo volessi….

Guardando il cielo ….. entri dentro di me come un’essenza che guida la mia vita, le mie scelte più importanti…

L’hai sempre fatto a modo tuo….

Hai dominato la mia vita… il mio buio …. la mia oscurità ….

Hai visto in me ciò che io non ho saputo vedere…. La forza innata di donarsi…. Ma forse ora è arrivato il momento di essere felici….

Ma posso farlo senza di te? Essere felici vivendo in due mondi diversi? Posso esserlo se tu non fai parte della mia vita? Posso esserlo se hai smesso di guardarmi come quella volta?

Posso esserlo se la tua anima turba la mia, se entri in collisione con la mia vita….

Se entri dentro di me come il primo giorno…. il primo giorno del nostro incontro….

Lettere ad un amore perduto

L’acqua che invade ogni cosa, ogni essere, tutto ciò che incontra, così il mio cuore è invaso da te… dai tuoi ricordi, da cio che hai significato….

Non ho accettato la tua assenza, la tua scelta di non essere tua…. la tua decisione di essere di qualcun’altra…. Non potrò mai accettarlo…

Esistono tanti modi di salvare una persona… tu l’hai fatto…

Mi hai salvato dal mio oblio, dal mio buio… da me stessa… E l’hai fatto … aspettando qualcosa di miracoloso…. hai aspettato me… le mie decisioni che non sono arrivate in tempo…..

È una morsa dell’anima … Non poterti avere… per uno sbaglio stupido….

Non potrò sussurrarti ciò che la mia anima vuole…. Non potrò appartenerti ….

Solo immaginarti mi da’ sollievo…. mi accarezza l’idea che ora sei felice?

Tornare indietro non è possibile….

Ma ciò che mi hai dato è molto di più di ciò che si chiama amore… tu sei quella marcia in più … quel sapore mai provato ma che vive in me….

So che mi salveresti tutte le volte che fosse necessario… tutte le volte che te lo chiedessi…perche’ tutto sommato sei molto di più di quel che sembri…. sei tutto ciò che ho perduto…. ma tutto ciò che non perderò…

Lettere ad un amore perduto

Solo lui le sapeva leggere l’anima…

Perché solo lei sapeva fidarsi di lui…

Nonostante l’avesse ferita… l’avesse creata una voragine nel cuore … nonostante ciò la sua anima le chiedeva di fidarsi… sempre… di amarlo sempre….

Perché sapeva che un giorno si sarebbero incontrati…e lei avrebbe pianto… così tanto da farle consumare i battiti del cuore… lo amava … provava quel tipo di bene… incancellabile…

E lui l’amava? Forse si…. l’ha dimenticata? No …mai… lei sapeva di provocare in lui un ricordo indelebile…. vivo…

Incoscientemente amanti!

E… lei si fidava di lui… del suo sguardo…. dei suoi occhi che significavano quell’universo che apparteneva solo a lei…

Ma… Si fidava perché non poteva far altro…. Si fidava perché il suo cuore le diceva di farlo…

Erano amici con lo sguardo… con il sorriso… erano silenziosamente amanti con il dolore, le lacrime…

Ha saputo amarlo , vederlo felice non con lei…. ma con un’altra che non sa cos’è la felicità….

La felicità…. Una parola che dura un attimo… un’emozione che non torna più…

Sentirsi felici è accettare l’amore dell’altra persona… anche se significa amarla in silenzio… non sentire la sua pelle sulla propria… non sentire il suo respiro…

Lui era tutto per lei… anche se non poteva dimostrarglielo … non poteva averlo…

La sua felicità non era nelle sue mani… ma gli augurava di esserlo… con il cuore di chi sa far un passo indietro… di chi riesce a perdonare se stessa per non aver osato di più…

Erano amici senza rendersi conto di essere già innamorati!

Lettere ad un amore perduto

Sapeva di crollare…

Sapeva che il suo cuore non avrebbe retto al suo sguardo… Che avrebbe pianto… davanti a lui… e non poteva farlo… Non poteva cedere a lui… anche se la sua anima glielo imponeva… esigeva quelle lacrime represse da troppo tempo….

Lui conosceva da sempre la sua anima… da sempre…. Sapeva di che pasta era fatta! Non una come tante… ma unica, rara… sua…